Come si misurano gli ascolti della TV

Spesso ci si chiede come possano misurare gli ascolti TV mentre guardiamo i programmi in televisione. È presente un dispositivo specifico? Esistono tecniche d’alta tecnologia che riescono ad individuare tutte le persone che guardano un certo programma?

ascolti tv

Non proprio, ma l’azienda che si occupa di tutto questo si chiama Auditel. Ciò che fa Auditel è prendere in esame un numero determinato di famiglie su cui controllare gli ascolti semplicemente installando nelle televisioni un apparecchio specifico che permette di inviare dati via internet.

Detto questo, è proprio grazie a tale dispositivo che Auditel permette, con l’ausilio di Internet, di individuare gli ascolti in questione. Da notare che non tutte le famiglie prendono parte a quest’analisi, ma solo un certo numero di tutte le famiglie italiane (si parla di circa 15.000 famiglie).

Di conseguenza, il calcolo viene effettuato considerando una media. Per colmare la parte delle persone che guarda la televisione ma non ha un dispositivo che calcola lo “zapping”, spesso vengono effettuati sondaggi specifici, sondaggi che verranno poi paragonati ai dati inviati via internet dal dispositivi di Auditel.

Misurazione degli ascolti e tecnologia

Considerando i nuovi avventi tecnologici quali smartphone e tablet, sembra che da qualche anno si calcolino anche via internet. Di conseguenza, tutti i traffici in rete che gli utenti percorrono vengono individuati da Auditel per poter calcolare gli ascolti, le visualizzazioni e quant’altro riguarda il traffico dei visualizzatori.

Si può quindi dedurre che parte della televisione si è già trasferita su internet, tenendo di conto anche delle varie piattaforme streaming presenti. Quando si andrà a guardare una partita in streaming o un video in diretta, saremmo quindi monitorati da Auditel per raccogliere ascolti.

In questo caso, non saranno solo le famiglie selezionate da Auditel ad essere prese in analisi, ma anche tutti gli utenti che navigano in rete ed accedono alle piattaforme in streaming. I dispositivi digitali sono quindi passati sotto il mirino di Auditel, considerandoli oramai alla pari della TV.

Le famiglie di Auditel e gli ascolti

Anche se oramai è risaputo che gli ascolti vengono monitorati, non sempre è tutto molto trasparente sotto questo punto di vista. Sembra infatti che le famiglie che collaborano con Auditel risultino piuttosto anonime e non esattamente corrispondenti ai dati finali ottenuti dalla “media”.

Naturalmente, queste famiglie hanno i dispositivi di calcolo degli ascolti sui propri decoder (sia di Sky che Digitale Terrestre), ma il calcolo dello zapping risulta tutt’oggi abbastanza incerto e mai effettivamente spiegato nero su bianco.

Ad ogni modo, in base a quali criteri vengono selezionate le famiglie di Auditel? Sempre considerando una media “culturale” le 15.000 vengono selezionate da Auditel e sottoposte ai “controlli” degli ascolti, ma tuttavia non si riesce a saper con precisione chi sono le famiglie nella fattispecie.

Considerando questo punto di vista, è quindi importante prendere le indicizzazioni degli ascolti con le pinze, anche perché, con l’avvento di internet e dello streaming, è sempre più difficile fare una media e stabilire gli ascolti “di massa”.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo