Decoupage, tra arte e passatempo

Il Decoupage è un arte che ha una storia ben fondata dietro sé. Le prime scuole di decoupage sono sorte intorno al 1000 d.C., in cui i contadini coloravano in modo vivace e colorato lanterne, contenitori, finestre ed oggetti di vario tipo.

decoupage

La tecnica principale del decoupage è sostanzialmente quella di utilizzare oggetti qualitativi con materiali che, a prima vista, sembrerebbero inutilizzabili. Uno fra gli strumenti più utilizzati per realizzare decoupage erano le forbici. Soprattutto i cinesi utilizzavano le forbici per compiere figure di feltro. Da quel momento in poi l’arte del decoupage è andata ampliandosi sempre più.

L’arte del decoupage

Non solo Cina, ma anche Europa. Infatti, gli artigiani tedeschi erano molto pratici nel campo del decoupage praticamente negli stessi periodi in cui sorsero tali arti in oriente. Le principali composizioni della Germania riguardavano figure di animali e fiori con carte colorate. Questi decoupage erano un passatempo frequente per le popolazioni tedesche, passatempo che poi è andato ampliandosi in tutta europa.

Tornando un momento in oriente, nel ‘700 in Cina e Giappone si producevano molti mobili laccati. Questi ultimi divennero molto popolari e acquisirono un valore pregiato. Per questo motivo erano molto costosi, ma tuttavia richiesti dall’occidente, dato che erano considerati oggetti esotici e piuttosto rari.

Decoupage su mobili e arredamenti

Dopo che partì il “trend” dei mobili in finta lacca orientali, numerosissimi furono gli artigiani che si specializzarono nell’arte del decoupage in questo senso, producendo stampe ed incisioni sempre più artistiche e ricercate.

Anche in arredamenti come armadi e mobili di vario tipo erano presenti figure ritagliate ed incollate sui mobili stessi. Successivamente, tali figure venivano ricoperte da strati di finta lacca. Questo diede quel tocco in più di cui avevano bisogno, considerando il successo magistrale che ebbero negli anni a venire.

Oltre che ai mobili, la richiesta fiorente era per soffittature e tappezzerie. Il decoupage dei soffitti è infatti un’arte settecento/ottocentesca che la si può notare in grandi ville di casate e famiglie prestigiose. Questi erano servizi d’elite e non tutti potevano permetterseli.

Infatti, la classe media cercò di specializzarsi in tale ambito anche per trovare lavori proficui. Naturalmente, la clientela del decoupage per soffitti e tappezzeria era molto buona. Anche in quest’ambito, la tendenza verso la finta laccatura era piuttosto evidente, in quanto si cercava di rendere le decorazioni il più simili possibile ai quadri.

Non solo mobili e soffitti: anche le dame ottocentesche venivano decorate artisticamente con tecniche di  decoupage. Portaparrucca, cappelliere ed altra oggettistica veniva curata nel minimo dettaglio, per non parlare dei ritratti che erano caratterizzati da decoupage sempre più fiorenti.

Il decoupage oggi

Oggigiorno, il decoupage è uno fra migliori passatempi quotidiani da svolgere a mano. Anche se il lavoro manuale è sicuramente minore rispetto a qualche secolo fa, l’arte del decoupage è sempre in auge fra professionisti e non.

Molti sono gli appassionati di decoupage che utilizzano tecniche appartenenti al passato che permettono di dare una certa soddisfazione artigianale. La creatività del decoupage è libera ed aperta per ogni esigenza ed è per questo che ancora oggi è viva e vegeta.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo