I diritti umani dagli aiuti internazionali alla tutela dei bambini

I diritti umani rappresentano quei principi fondamentali che ogni essere umano possiede e che non possono essergli tolti. Secondo la concezione moderna, che si è diffusa nei nostri Paesi, tra i diritti fondamentali di ogni individuo ci sono il diritto alla libertà individuale, alla vita, all’autodeterminazione, all’assistenza, alla libertà religiosa, alla privacy e il diritto di voto. Per arrivare all’affermazione di tutti questi concetti, si è attraversato un periodo storico molto ricco di complicazioni e di varie battaglie, che hanno portato ad un’affermazione piena dei diritti soprattutto riconosciuti nei Paesi occidentali. Non in tutte le parti del mondo, infatti, questi principi fondamentali inalienabili vengono attribuiti a tutti gli uomini. In alcuni Paesi restano ancora in vigore delle lotte politiche e sociali da compiere per l’affermazione piena dei diritti umani di ciascun individuo.

 I diritti umani pilastro di civiltà

Gli aiuti umanitari: una forma di solidarietà

Un particolare tipo di aiuto come forma di solidarietà destinata all’affermazione di alcuni diritti umani è costituito dagli aiuti umanitari. Di solito questi ultimi vengono destinati ai Paesi del Terzo Mondo, ai popoli che sono vittime di guerre o di disastri naturali o a quegli altri che, a causa di epidemie, rivoluzioni e dittature, sono costretti ad abbandonare il proprio Paese.

Il primo e fondamentale obiettivo degli aiuti umanitari è l’organizzazione per salvare vite umane, per rendere più lievi situazioni di emergenza e di sofferenza. Si tratta di fornire assistenza anche di carattere pratico, aiuti sanitari, prodotti alimentari e di procedere nel caso ci fosse la necessità di stabilire dei campi profughi o di ricostruire degli edifici e delle infrastrutture di interesse collettivo.

Nel campo degli aiuti umanitari sono impegnate molte organizzazioni no profit, che agiscono a livello internazionale. A titolo di esempio possiamo citare la Croce Rossa, Medici senza Frontiere, Emergency. Di solito all’interno di queste organizzazioni operano dei volontari, che si occupano anche della raccolta fondi, coinvolgendo i mass media.

La convenzione sui diritti dell’infanzia

La convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è stata approvata nel 1989 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Si tratta di garantire a tutti i bambini del mondo dei diritti fondamentali. La convenzione è composta da 54 articoli e da 3 protocolli opzionali. I principi fondamentali su cui si basa sono 4: non discriminazione, superiore interesse, diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo, ascolto delle opinioni del minore.

Dichiarazione Universale dei diritti dei minori

Tutti questi principi stabiliscono che i diritti devono essere garantiti a tutti i minori senza distinzioni. In ogni legge deve avere la priorità l’interesse del bambino o dell’adolescente. È fondamentale tutelare la vita e il sano sviluppo dei più piccoli, anche attraverso le iniziative di cooperazione fra gli Stati. Inoltre i bambini hanno il diritto di essere ascoltati in tutti i casi in cui si devono prendere delle decisioni che li riguardano; gli adulti devono tenere in adeguata considerazione le loro opinioni.

La convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza viene presa come riferimento costante dall’Unicef per portare avanti le proprie azioni. L’Italia ha ratificato la convenzione con la legge numero 176 del 27 maggio 1991.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo