Il Turismo culturale

L'emergere del turismo culturale risale agli inizi del XX secolo, ma solo nel 2002 il Consiglio internazionale per i monumenti culturali e storici ha pubblicato una definizione formale: "Il turismo culturale e culturale-cognitivo, in realtà, è una forma di turismo che si concentra sull'ambiente culturale, che a sua volta può includere le attrazioni culturali e storiche di una destinazione o di un patrimonio culturale e storico, i valori e lo stile di vita della popolazione locale, le arti, l’artigianato, le tradizioni e le abitudini ed inoltre, percorsi culturali e cognitivi possono includere una visita o una partecipazione a attività culturali e eventi, visitare musei, prendere parte a concerti, mostre, gallerie, ecc.

Il turismo culturale 

La definizione di turismo culturale

Il turismo culturale è definito dall'Organizzazione Mondiale del Turismo come "viaggio, il cui obiettivo principale è quello di visitare i siti e gli eventi il ​​cui valore culturale e storico li rendono parti integranti del patrimonio culturale di una comunità". Un aspetto importante del turismo culturale secondo questa definizione è l'ipotesi che i siti e gli eventi culturali e storici che si visitano non siano necessariamente il motivo principale del viaggio. In questo contesto il turismo culturale-storico è raramente implementato in un aspetto "pulito" e più spesso è combinato con altri tipi tradizionali e specializzati di turismo. Questa caratteristica sostanziale rivela opportunità per migliorare l'efficacia del turismo nazionale e regionale attraverso lo sviluppo del turismo culturale e storico - attraverso l'assorbimento e l'integrazione di risorse culturali-storiche e lo sviluppo su questa base di un marchio turistico regionale.

La categoria chiave in questa definizione è il concetto di "patrimonio culturale" che comprende il patrimonio mobile e immateriale come "un insieme di valori culturali che sono portatori della memoria storica, dell'identità nazionale e hanno valore scientifico o culturale".

Dal punto di vista dello sviluppo del turismo culturale, il significato del concetto di patrimonio culturale determina l'applicazione di un approccio integrato - ad eccezione dei tradizionali monumenti archeologici e storici, tra cui l'architettura, l'arte e il patrimonio etnografico, l'infrastruttura museale e il paesaggio culturale e l'acquisizione in tempi recenti del patrimonio religioso – anche di chiese cristiane e templi di altre religioni. Il turismo culturale comprende, oltre alla visita di siti storici e culturali, l'opportunità di godere dei successi umani passati. Visitare questi luoghi diventa così oggetto di ammirazione, orgoglio nazionale e riscoperta del passato dei nostri antenati.

Il turismo culturale è uno strumento per lo sviluppo economico che raggiunge una più alta crescita attirando visitatori al di fuori della comunità ospitante, motivati ​​in genere o parzialmente da un interesse storico, artistico, scientifico o connesso allo stile di vita e alle tradizioni, alla realtà e ai fatti di una comunità, di una regione, di un gruppo o un’istituzione. Tale viaggio è incentrato sulla sensazione dell'ambiente culturale, tra cui paesaggi, arti visive e di spettacolo, stili di vita, valori, tradizioni e eventi. Il turismo è sempre alla ricerca di modi per creare "prodotti turistici commerciabili", nonché un ambiente per cui si può lavorare e avere uno stile di vita buono. Il turismo culturale-cognitivo è un'interazione tra le componenti culturali, etniche e storiche della società o del luogo da utilizzare come risorsa per attirare turisti, da una parte, e lo sviluppo del turismo, dall’altra.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo