La gestione di appalti e gare

Molti si chiedono come vengono gestite le gare d’appalto. Sostanzialmente, esiste un addetto all’ufficio delle gare d’appalto che gestisce il tutto, sia da un punto di vista pubblico che privato. Infatti, la gestione di ogni appalto è gestita da tale impiegato, imprescindibilmente se l’appalto è ad uso privato o pubblico. Ma cos’è un appalto nello specifico?

appalto

L’appalto è, nella sostanza, un contratto. Tale contratto permette di stabilire la realizzazione di un servizio determinato (spesso per quanto riguarda beni immobili ma non solo). Colui che si aggiudicherà tale contratto (ovvero l’appalto) viene chiamato appaltatore. A questo punto, è possibile dedurre che l’addetto delle gare d’appalto controlla che l’assegnamento dell’appalto avvenga in maniera corretta e che tutte le procedure necessarie vengano svolte correttamente.

Le mansioni dell’addetto delle gare d’appalto

L’addetto d’ufficio delle gare d’appalto svolge mansioni legate al controllo e alla valutazione del contratto, assegnandolo di conseguenza all’appaltatore che lo vince. Una fra le prime operazioni che compie riguarda la fase preparatoria. In questa fase vengono individuati tutti quei bandi che possono essere introdotti sul mercato degli appalti. Tali bandi riguardano servizi e forniture di vario tipo, ma anche la realizzazione di beni (soprattutto immobili).

Altro compito importante che svolge l’addetto alle gare d’appalto è la valutazione e l’idoneità dell’appalto stesso. Analizzando tutti i requisiti necessari, viene stabilito se l’appalto può esser valido o meno, considerando anche le aziende che si propongono come appaltatrici. Di conseguenza, è compito dell’addetto al controllo degli appalti di stabilire se ci sono tutti i presupposti necessari (economici e tecnici) per far sì che il bando esca.

Naturalmente, tutte le procedure burocratiche vengono gestite dall’addetto delle gare d’appalto. Anche eventuali preventivi, tempistiche specifiche, scadenze e andamenti economici vengono controllati ad hoc da quest’ultimo.

Responsabilità dell’addetto alle gare d’appalto

L’addetto alle gare d’appalto non solo regola tutte le procedure burocratiche e assicura che l’appalto rispetti tutti i requisiti necessari, ma risulta responsabile nella formazione del bando di gara e nell’assegnazione dell’appalto stesso.

Di conseguenza, l’addetto alle gare d’appalto cura tutto ciò che riguarda la compatibilità dell’appalto con le aziende appaltatrici, facendo una ricerca adeguata in base al contesto e sempre considerando eventuali tempistiche specifiche e date di scadenza predeterminate.

Detto questo, la responsabilità dell’addetto alle gare d’appalto è piuttosto alta, tenendo di conto che i dettagli da considerare non sono pochi. Proprio l’attenzione al dettaglio è un requisito fondamentale e spesso viene richiesta come competenza primaria se si desidera diventare l’addetto alle gare d’appalto.

Fare l’addetto alle gare d’appalto

Se si desidera diventare addetto alle gare d’appalto, è opportuno avere alcuni requisiti specifici come determinate competenze di economia, diritto e contabilità, avere una precisione ed un’attenzione al dettaglio piuttosto minuziosa (considerando tutte le procedure contrattuali da controllare) ed avere competenze normative in quanto ad appalti.

Per quest’ultima competenza, è possibile fare anche stage e corsi d’aggiornamento (esistono corsi professionali specifici per addetti d’ufficio di gare d’appalto). Successivamente a tali stage, oltre ad acquisire le competenze necessarie, si otterranno anche crediti formativi che potranno essere riutilizzati in altri contesti analoghi.