Professionisti: come diventare architetto o medico

Parlando di professionisti, ci vengono in mente diversi lavoratori che operano in vari settori. Di solito un professionista è una persona preparata in un dato campo, che si cimenta con le proprie conoscenze, mettendole al servizio di una comunità. Diventare professionisti non è così facile, ma si deve essere dotati di una certa preparazione e in possesso di determinati requisiti. I percorsi di studio che portano a diventare professionisti sono variegati e ciascuno può scegliere il proprio in base agli interessi personali o secondo le proprie inclinazioni. È importante considerare come nella società attuale ci sia un grosso bisogno di professionisti, in grado di assicurare delle prestazioni fondamentali, per mandare avanti le funzioni più importanti del nostro operare in gruppo. In particolare concentriamo la nostra attenzione sugli architetti e sui medici.

professionisti laureati

Come diventare un architetto

Per diventare un architetto si deve intraprendere, dopo il diploma, una carriera universitaria nella facoltà di Architettura. Conseguita la laurea, ci si deve preparare bene per superare l’esame di Stato per l’abilitazione professionale. In base al grado di competenza acquisita attraverso il percorso formativo universitario (considerando anche la specializzazione portata avanti dopo la laurea triennale), ci si può iscrivere a due diverse sezioni dell’albo professionale, la A e la B.

Si può accedere alla sezione A se si è in possesso di una laurea di secondo livello e concorrere per il settore architettura o il settore di pianificazione territoriale. A disposizione anche il settore paesaggistica e quello di conservazione dei beni architettonici ed ambientali. Per la sezione B occorre essere in possesso di una laurea di primo livello, la cosiddetta laurea triennale. In questo caso si può concorrere per il settore architetto junior, settore architettura, e per il titolo di pianificatore junior, settore pianificazione.

A seconda di ogni sezione esistono anche degli specifici esami che debbono essere presenti nel proprio piano di studi universitario. L’esame di Stato si svolge attraverso prove pratiche scritte e orali. Esistono diverse sedi di esame sparse su tutto il territorio nazionale. Dopo aver superato l’esame ed essersi iscritti all’albo, si può optare per differenti sbocchi professionali, sia presso istituzioni ed enti pubblici che nel privato.

Come diventare un medico

Per diventare medico è necessario pensare già ad una scuola superiore adatta. Bisogna tenere presente che i test di ammissione alla facoltà di Medicina e Chirurgia vertono su diverse discipline, dalla storia alla letteratura, dalla biologia alla chimica, dalla fisica alla matematica. In base a questo si può scegliere un istituto superiore che dia una buona preparazione.

Diventare medico

Conseguito il diploma, ci si deve preparare per il test di ammissione alla facoltà, che è a numero chiuso con posti disponibili limitati. La prova di ammissione è unica e si svolge a livello nazionale. Si basa su 60 quesiti con 5 opzioni di risposta. 4 sono di cultura generale, 23 di ragionamento logico, 13 di biologia, 14 di chimica e 6 di fisica e matematica. Anche la graduatoria nazionale è unica e il candidato può scegliere fino a 3 sedi per le quali concorrere.

L’assegnazione dei posti avviene attraverso un meccanismo di scorrimento, in base alle preferenze espresse e al punteggio conseguito. Dopo un percorso universitario molto faticoso, si deve conseguire l’abilitazione all’esercizio della professione medica, attraverso un esame di Stato. Ci si iscrive poi all’ordine dei medici chirurghi e si comincia a fare esperienza nel campo medico.

È importante essere preparati, parlare con altri dottori che lavorano nello stesso campo di interesse e informarsi sul settore di riferimento. Nel corso della carriera i medici frequentano numerosi corsi di aggiornamento.

 

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo