Le proprietà di carne e pesce

Oggigiorno si sta sempre più attenti alla dieta e alla propria salute alimentare e, spesso e volentieri, ci si fanno domande sulle proprietà di cibi “animali” come carne e pesce. Ma quali sono le differenze principali fra i due cibi?

proprietà pesce e carne

Sia la carne che il pesce sono due alimenti cruciali della cucina italiana. Tuttavia, ci sono differenze abbastanza marcate per quanto riguarda non solo le proprietà nutritive, ma anche i modi di cottura e le tecniche di conservazione. Ad esempio, un pesce appena pescato sarà sempre meglio di uno che è stato comprato da una settimana, mentre la carne è pur sempre un alimento a lunga conservazione.

Carne e pesce: le differenze

È opportuno fare una piccola distinzione preventiva tra le proprietà della carne e quelle del pesce: la quantità di proteine è maggiore nella carne (molti sono gli aminoacidi e i grassi), mentre nel pesce la quantità dei lipidi è molta di più che nella carne.

Si può dedurre che il pesce (e soprattutto i crostacei) porta discrete fonti di proteine ed è povero di grassi. Questo li rende un alimento facilmente digeribile e di conseguenza con contenuti di grassi limitati. Naturalmente, ogni tipo di pesce ha le sue proprietà in quanto a proteine e grassi.

Ad esempio, il pesce bianco (come cozze, calamari e gamberetti) hanno meno del 6% dei grassi, mentre un pesce come un acciuga o un anguilla i grassi possono raggiungere anche il 25%. Si può aprire una parentesi differente per quanto riguarda invece il pesce azzurro.

Il pesce azzurro contiene infatti più grassi, ma tuttavia questo tipo di grassi risulta insaturo. Di conseguenza, non si può considerare il pesce un alimento tendenzialmente grasso, bensì è sempre molto digeribile e leggero.

Quanto bisogna mangiare pesce e carne?

Ma ogni quanto bisogna mangiare pesce? La dose raccomandata rimane sulle tre volte alla settimana. Da notare che, oltre alla sua facile digeribilità, il pesce contiene molti minerali che giovano alla salute come calcio e ferro.

È quindi ovvio che il pesce è un alimento salutare a tutti gli effetti, considerando che presenta un contenuti di colesterolo molto basso. Attenzione però ai crostacei che, se mangiati in abbondanza, si rischia di innalzare il tasso di colesterolo.

Sempre considerando la salute, è opportuno tenere di conto che friggere il pesce “brucia” alcune proprietà fondamentali. Nello specifico, friggendo il pesce si bruciano le proprietà salutari degli omega 3, grassi benefici e leggeri per la salute.

Un buon rimedio per mantenere le proprietà del pesce è cuocerlo al “cartoccio”. Mettendolo dentro il forno con una copertura in alluminio, si riesce a mantenere le proprietà nutritive intatte, senza bruciare niente.

Conservabilità di pesce e carne

Da notare che sebbene la carne risulti più ricca di ferro e vitamine, il pesce presenta sali minerali come calcio, zinco e iodio in maggioranza. Rimane a pari livello il fosforo in entrambi gli alimenti, nonostante il luogo comune specifichi che risieda maggiormente nel pesce.

Importante considerare che il pesce non è conservabile a lungo periodo come la carne. Infatti, più il pesce è fresco più mantiene le sue proprietà nutritive. Stesso discorso non può esser fatto per la carne che presenta tempi di conservazione lunghi e comunque efficaci dal punto di vista nutrizionale.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo