Storia e caratteristiche della Giada

Molti avranno sentito parlare di una pietra mineraria particolare ed unica nel suo genere come la giada. Ma cos'è la giada nello specifico? È una pietra preziosa dotata di un fascino notevole ed unico nel suo genere. Pur non essendo preziosa come l’oro e l'argento, molti sono i ricercatori ed i chimici che stanno ancora indagando sui misteri storici di questa pietra.

storia della giada

Dal punto di vista chimico, la giada possiede un colore verde particolare proprio perché al suo interno è presente il cromo. Tuttavia, ci sono varianti bianche, grigie e nere di questa pietra raramente rintracciabili. Da notare che, quando si parla di questa pietra, ci si può riferire a due minerali differenti ovvero la nefrite e la giadeite. Andiamo ora a vedere la storia della Giada e perché ancora oggi è molto importante per i ricercatori. Basti pensare che la sua origine risale a circa 7000 anni fa.

Storia della Giada

In antichità, la giada era molto utile per costruire armi. Fra le armi più famose si possono citare gli antichi coltelli rituali precolombiani. Guardando verso oriente, in altre parti come la Cina la giada veniva impiegata per costruire oggetti di culto.

La giada è inoltre importante per la sua cristalloterapia. Cos'è la cristalloterapia nello specifico? È una terapia utilizzata per garantire un certo equilibrio tra mente e corpo. Nella sostanza, la giada veniva ritenuta una pietra che calmava i sensi e donava serenità.

Si dice che la giada era legata al quarto chakra e che aiuterebbe tutt’oggi a calmare il cuore a trovare una certa compassione per le proprie scelte di vita. In centro America, fino a qualche secolo fa si credeva che la Giada aveva un certo potere benefico che poteva curare i reni e fianchi. Non a caso veniva chiamata "pedra de ijada", che tradotto significa “pietra del lato/dei fianchi”.

Il suo valore economico era inoltre molto alto fin dal passato. Tuttavia, Il tutto dipendeva dalla sua lavorazione. In origine naturalmente era un po' più rozza e meno lavorata e, di conseguenza, la sua qualità non spiccava.

Ad ogni modo, quando la pietra veniva lavorata diventava più trasparente ed il suo grado di traslucidità innalzava la sua qualità economica. Oggigiorno, la giada più richiesta nel mondo è quella che si ricava dalle miniere della Birmania.

Simbologia della Giada

Per molti anni la giada significa virtù, amore e stato sociale. Per tanti anni fu anche il simbolo di molte dinastie imperiali. Soprattutto in Cina e nell'oriente, la giada era una “trattativa” che rappresenta la ricchezza, l’onestà e la giustizia che vigeva in quei luoghi.

Oggi non si sente parlare molto di questa pietra mineraria e sembra che, oggigiorno, la Cina sia l'unico stato che riesce a lavorare con il suo valore. Tuttavia, molti sanno della sua storia e delle sue potenzialità non solo economiche, ma anche curative.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo