L'evoluzione sociale di tatuaggi e piercing

I tatuaggi ed i piercing hanno preso una buona fetta culturale nel mondo “occidentalizzato” da molti anni oramai. Pur essendo una tradizione importata da tribù antiche, i piercing e i tatuaggi sono un elemento “trendy” tra giovani ma anche fra gli adulti. Sin dall’antico Egitto, il piercing era un simbolo di riconoscimento sociale, così come lo erano i tatuaggi ed i piercing nelle tribù indigene e non solo. Questi due elementi permettevano loro di etichettarsi in una determinata “fascia” sociale, permettendo loro di distinguere il loro carattere e personalità dalle altre stratificazioni.

Tatuaggi e piercing oggi

Oggi, pur non avendo tale significato, rappresenta un fattore quasi prettamente estetico. Sia i piercing che i tatuaggi sono desiderati da persone appartenenti ad ogni tipo di stratificazione sociale, dalla cultura di massa fino a quella punk underground. Quindi si può benissimo dire che il fattore di catalogazione sociale in base all’uso di tatuaggi e piercing oramai è praticamente scomparso

Tatuaggi e piercing nella cultura punk

Proprio la cultura punk underground sfoggiava questo tipo di estetica corporea in segno di ribellione e di differente appartenenza sociale. Portare piercing e tatuaggi voleva rappresentare un rifiuto dei convenzionalismi borghesi, in modo da evitare la sobrietà fisica il più possibile, coprendosi quindi di piercing e tatuaggi.

Tuttavia, il comune stile di vita d’oggi fa uso di tatuaggi e piercing senza particolari etiche. Possono presentarsi casi in cui la persona è gremita di piercing e tatuaggi ma non condivide o non conosce la cultura punk, ad esempio. Allo stesso tempo, identificarsi all’interno di una cultura come quella punk non necessita più di sfoggiare piercing e tatuaggi, visto che sono diventate tendenze mainstream.

Di conseguenza, questo tipo di moda ha superato il tabù dell’emarginazione sociale. Sono sempre più rari i casi sociali in cui un tatuaggio o un piercing viene giudicato o discriminato. Questo fatto può essere sia un punto a favore per il progresso culturale, sia un punto a sfavore per culture che possedevano questa caratteristica come “esclusiva sociale”.

Tatuaggi e salute

Spesso si è sentito parlare di eventuali infezioni o malattie causate da tatuaggi e piercing. Si vociferava che sia con tatuaggi che piercing è possibile trasmettere infezioni batteriche. Tali infezioni potrebbero entrare nel sangue e causare possibili danni. È opportuno fare attenzione anche a determinati tipi d’inchiostro (come l’hennè nero, ad esempio) che possono causare allergie.

Ad ogni modo, per prevenire tali malattie e soprattutto sfatare il mito delle malattie trasmissibili tramite tatuaggi e piercing, si può rivolgersi a professionisti del settore ed eventualmente anche a medici. Naturalmente, un professionista con una buona reputazione avrà quasi ovviamente considerato le eventuali conseguenze di un uso incorretto d’inchiostri o aghi per piercing.

I professionisti del settore sono infatti dotati di disinfettanti ed altro materiale utile per prevenire tutti i tipi infezioni, allergie o malattie in questione. Probabilmente, una piccola (se non piccolissima) percentuale di rischio esiste, tuttavia basta fare attenzione e soprattutto farsi consigliare da esperti nel settore. Sia tatuatori esperti che medici possono fare al caso vostro se avete bisogno di consigli sull’uso salutare di piercing e tatuaggi.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo