CD-ROM, un fenomeno in via d’estinzione

I CD-ROM (abbreviati anche in CD) sono entrati in tutte le case di coloro che, tra gli anni ’90 e 2000, consumavano materiale multimediale come enciclopedie, videogiochi e musica. Oggi i Compact Disc sono pur sempre vivi, ma sono in effettiva via d’estinzione.

cd rom

Fino a 10-15 anni fa, i CD-ROM erano un elemento fondamentale per quanto poteva riguardare la multimedialità e la sua diffusione. Molte cose sono cambiate da allora: lo streaming musicale ha avuto il sopravvento, gran parte dei laptop di oggi non possiedono più il lettore cd e i mezzi fisici principali per guardare film e documentari sono dischi in BluRay o semplici pennine USB (per non parlare di piattaforme streaming come Netflix, ad esempio).

Detto questo, si può dedurre come il mercato tecnologico e dell’intrattenimento multimediale si sia evoluto molto in fretta, demolendo il mito dei CD-ROM (che, a sua volta, aveva distrutto quello del vinile). Ma quando è nato il CD-ROM nello specifico? Chi ha inventato il CD-ROM?

La nascita dei CD-ROM

I CD-ROM hanno origine negli anni ’80 grazie a Sony e Philips. La loro collaborazione ha dato il via ad un fenomeno di massa, ovvero l’intrattenimento multimediale. Ma cosa significa CD-ROM? In concreto, corrisponde alla sigla di “Compact Disc Read-Only Memory”. Difatti, la sua è una memoria informatica che ha permesso di racchiudere in sé un ingente quantità di file che, in precedenza, non era ancora stata possibile.

Un tipico CD-ROM aveva una capacità di 650-700 MB, dimensioni che in un decennio come gli anni ’90 erano una quantità esorbitante di dati. I Compact Disc garantivano quindi un’enorme memorizzazione, a differenza dei suoi predecessori Floppy Disk che riuscivano ad immagazzinare solamente qualche MB.

I CD-ROM furono un vero e proprio via libera verso enciclopedie, videogiochi, corsi di lingua e tanto altro, materiale che in precedenza era praticamente solo cartaceo. Da quando hanno cominciato a diffondersi i Compact Disc, il mondo della digitalizzazione ha cominciato a dilagare.

La (falsa) vita eterna dei CD-ROM

È opportuno precisare che, quando i CD-ROM giunsero sul mercato, venne dichiarata la loro perfezione e di quanto questi potessero esser tramandati di generazione in generazione, vista la loro vita eterna. Purtroppo, non è risultato veritiero, visti i recenti danni che si sono verificati per molti CD-ROM acquistati dai clienti.

Molti infatti hanno verificato macchie e smagliature che hanno danneggiato i dati e il CD-ROM stesso. Si parla di “disc rot” e questo può verificarsi dopo circa 10 anni di vita di un Compact Disc. Questa è stata effettivamente una beffa non da poco, non solo per i collezionisti che purtroppo non avranno più i loro CD funzionanti, ma anche per tutti coloro che hanno creduto che i CD-ROM potessero avere vita eterna.

La (quasi) morte dei CD-ROM e la rinascita dei vinili

Nel 2018 ha chiuso l’ultima industria di CD-ROM statunitense nella città di Terre Haute in Indiana. Tale industria è stata una delle prime mai realizzate e venne costruita negli anni ’50 (producendo inizialmente vinili) ed ha definitivamente chiuso la produzione di CD-ROM, producendo attualmente solo BluRay e DVD. Le uniche due grandi industrie ancora in produzione di Compact Disc sono la Issy-les-Molineaux in Francia e la Bertelsmann in Germania.

Ciononostante, sembra che le risorse analogiche e soprattutto i vinili stiano tornando in auge. Molto spesso, entrando in un negozio di dischi, si può notare la sezione dei CD-ROM praticamente vuota ma, paradossalmente, quella dei vinili sempre più folta. Anche se la musica digitale spopola sul web e sulle piattaforme streaming come Spotify o Deezer, l’alternativa fisica non è più il CD-ROM, bensì il vinile.

Da notare che, già dopo pochi anni della nascita dei CD-ROM, molti si accorsero che era possibile copiarli e masterizzarli, senza perdere di troppo la qualità dell’originale. Pur avendo dichiarato la perfezione e l’indistruttibilità del CD nel tempo, oggi non si può dire lo stesso, visto che il corso degli eventi ci ha illustrato un’altra storia inaspettata dai produttori di CD-ROM.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo