Come è nato il sistema operativo Linux

Oggi siamo immersi da Windows e Mac fino al collo. Tuttavia, c’è stato un precursore a tutto questo, un sistema operativo agli albori della tecnologia odierna, ovvero Linux. Ma cos’è Linux nello specifico? Come funzionava?

storia linux

Andando per ordine, Linux nacque grazie a Linus Torvalds, studente finlandese che insegnò poi all’Università di Amsterdam. Non contento di Minix (sistema operativo del tempo), decise di creare un nuovo sistema che permettesse di ricevere segnali dalla porta seriale tramite due processi ben distinti (chiamati “thread”).

Successivamente, il 25 agosto di quell’anno venne publicato un messaggio su un gruppo che utilizzava tale sistema, messaggio che dichiarava la nascita di Linux. Il messaggio recitava: “sto creando un sistema operativo (libero) quasi per hobby, non penso diventerà grande e professionale […]”.

Tuttavia, nonostante le premesse di Linus, il sistema operativo è tutt’oggi utilizzato (non magari come Windows) in diversi contesti, lavorativi e non. Durante quegli anni, il sistema Linux venne poi sviluppato come un vero e proprio Kernel.

Il progresso di Linux

Dopo alcune scelte sbagliate effettuate durante gli anni (Torvalds decise di renderlo un sistema operativo aperto, sottovalutando però la sicurezza di esso e, di conseguenza, venne attaccato da vari hacker), decise di passare oltre alla prima versione di Linux (la 0.01) ed andare, nel 1994, verso Linux 1.0.

Linux venne poi distribuito in 3 versioni, ovvero Debian, RedHat e SUSE. Già a quei tempi, Linux funzionava come una sorta di “wikipedia” informatico, ovvero Torvalds dichiarò nella licenza che chiunque poteva modificare Linux e rendere a sua volta disponibili le modifiche, fin quando il copyright veniva rispettato.

Due anni dopo, nel 1996, uscì la versione 2.2 e venne creato il primo simbolo di Linux, ovvero il famigerato pinguino che andò diffondendosi nel mondo dell’informatica e non solo. Tuttavia, solo nel 2001 venne progettata una versione di Linux che riusciva a supportare quasi tutti gli hardware presenti sul mercato.

Linux: è un sistema operativo?

Finora abbiamo parlato di Linux come se questo fosse un vero e proprio sistema operativo. Ad ogni modo, lo è veramente? Non proprio. Quando si parla di Linux ci si riferisce al Kernel, ovvero il “cuore” del sistema operativo.

Quando infatti si va ad acquistare Linux, in allegato ad esso andremo a trovare i manuali ed i software aggiuntivi per poterlo utilizzare. In altre parole, funziona quasi analogamente al vechio MS-DOS che, tramite comandi, permetteva di accedere ad i vari software a disposizione.

Possiamo dire che, a differenza dei sistemi operativi odierni come Windows o Mac, in cui c’è la “pappa pronta” per molte funzioni, in passato si necessitava di smanettare molto di più per avviare applicazioni, software e quant’altro.

Se non ci fossero state queste sperimentazioni e tali lavori manuali per creare linguaggi informatici, non saremmo arrivati ai sistemi operativi di oggi ed è per questo che Linux è stato un passo fondamentale nel mondo dell’informatica.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo