Curare l'infezione di una ferita

Spesso può capitare di farsi un graffietto su una mano, ma la cosa si fa grave quando queste possono diventare infezioni.

Come riconoscere e curare una ferita infetta 820x615

Spesso le infezioni sono sottovalutate o, semplicemente, il soggetto in questione non si rende conto dell’accaduto. Se non è mai capitato prima d’ora, potrebbe essere che la si giudichi semplicemente come una ferita ancora da curare.

Ma cosa è un’infezione di una ferita nello specifico? Sostanzialmente, quando si ha una ferita che presenta un rossore inusuale, un gonfiore o un cattivo odore, può essere che si tratti di un’infezione.

Batteri e agenti esterni possono aver sviluppato reazioni dannose per il nostro organismo, molto probabilmente a causa di una nostra debolezza immunitaria. Per questo motivo è fondamentale capire non solo come la ferita possa essersi infettata, ma quali sono i rimedi e le cure da adottare.

Nella fattispecie, quando un agente patogeno riesce ad evitare le difese dell’organismo, il nostro sistema immunitario potrebbe indebolirsi. Malattie quali cancro e diabete possono abbassare notevolmente le difese immunitarie ma anche squilibri dietetici, mancanza di sonno, stress ed abuso di alcool e droghe sono determinanti per la nostra salute.

Influenti sono anche corpi estranei come vetro e metallo che possono esser rimasti nella ferita. Bisogna sempre stare attenti che le ferite non abbiano incastonati piccoli (anche piccolissimi) pezzi di vetro e metallo che potrebbero aggravare la situazione.

Per questo motivo, considerare il possibile accaduto della ferita può aiutare ad analizzare e scovare eventuali agenti esterni indesiderati. Importante è anche l’influsso di sangue, semplicemente perché un’alta pressione oppure un’insufficienza arteriosa possono essere una tra le cause dell’infezione.

Infezione: quali sono i sintomi e i rimedi

Quali sono i sintomi di un’infezione? febbre, cattivo odore, vertigini, battito cardiaco accelerato, rossori e gonfiori sono campanelli d’allarme da non prender sotto gamba. Nel caso si verifichi uno fra i sopracitati sintomi, è sempre bene consultare il proprio dottore, che può consigliare alcuni semplici rimedi all’infezione come l’uso di garze, bende o cerotti.

Tuttavia, in alcuni casi è opportuno eseguire una diagnosi, soprattutto se i sintomi pervadono e la cosa sembra aggravarsi ulteriormente. Ovviamente, un buon medico saprà consigliare quale tipo di diagnosi si necessita.

Esami microbiologici (come ad esempio tampone o bipsia), ematici (utili per capire il livello d’infiammazione) o di imaging (Raggi X o RM, ad esempio) possono aiutare nell’effettiva diagnosi dell’infezione e rilevare complicazioni ulteriori, se presenti.

Medicazioni e farmaci per curare un’infezione

Naturalmente, anche prima di un’eventuale infezione la ferita va sempre tenuta pulita il più possibile, lavando costantemente con acqua e sapone e utilizzando tecniche come lo sbrigliamento (una tecnica infermieristica che permette di rimuovere il tessuto lacerato). Chiedere consiglio ai medici per l’applicazione di tecniche mediche e infermieristiche è raccomandato.

È senz’altro opportuno cambiare di frequente eventuali assorbenti o drenanti per quanto riguarda le medicazioni. Questo perché, considerando che la ferita infetta produce liquidi infiammatori, cambiare garze e cerotti con frequenza aiuta ad asciugarli e toglierli.

Se si vuol ricorrere a farmaci antinfiammatori, consigliamo prima di chiedere a specialisti del settore. Gli antinfiammatori rischiano di scaturire problemi di vario genere (come ad esempio il sanguinamento interno di stomaco e organi) se assunti senza raccomandazioni.

Se il sangue della ferita è rosso acceso o molto scuro, se la ferita ha un cattivo odore e soprattutto se si percepisce un dolore particolarmente acuto, si consiglia di consultare subito il proprio medico per capire se si tratta di un’infezione e ricorrere alle cure e rimedi necessari, sempre considerando il proprio stato di salute e l’eventuale causa della ferita.

Nonostante tutte queste raccomandazioni e specifiche esplicate in questo articolo, il miglior metodo è comunque quello di rivolgersi presso il proprio medico di famiglia o comunque da uno specialista di settore.

Nessuno meglio di una persona competente riuscirà a risolvere il vostro problema d’infezione correlato ad una vecchia ferita. Ciò che è fondamentale in ogni caso è non trascurare la salute e di conseguenza non sottovalutare eventuali campanelli d’allarme.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo