EMS: Elettro Mio Stimolazione

EMS, acronimo di Elettro Mio Stimolazione, è la tecnologia made in Germany che ha rivoluzionato il settore del fitness. L’allenamento con l’ausilio degli elettrostimolatori permette di lavorare in profondità ed in maniera intensiva su tutto il nostro apparato muscolare.

Indossando una speciale tuta munita di elettrodi, si svolgono esercizi funzionali a corpo libero, guidati e seguiti da personal trainer specializzati. Nulla a che vedere con il vecchio “compex”, l’EMS unito ad un allenamento attivo raggiunge e contrae anche gli strati muscolari più profondi attivando più di 300 contrazioni contemporaneamente ed aumentando la naturale contrazione del muscolo dell’80%.

Per questo motivo una seduta di soli 20 minuti a settimana riesce ad offrire risultati reali e può essere paragonata ad ore ed ore di tradizionale palestra.

 ems2 750

Una formula perfetta per chi ha poco tempo da dedicare ad allenamento e benessere ma anche per chi non può allenarsi in maniera tradizionale per via di qualche infortunio. Infatti l’EMS tonifica il muscolo senza gravare sul sistema osteo-articolare ed è perfetto anche per chi soffre di mal di schiena, cervicale, ernie del disco o per chi sta affrontando un percorso riabilitativo post infortunio.

Scopriamo insieme quali sono i benefici, le controindicazioni dell’allenamento con EMS e le precauzioni da prendere.

Benefici dell’elettrostimolazione

L’elettrostimolazione può essere utilizzata per diversi scopi, variando i parametri e la frequenza la sua funzione può essere indirizzata verso uno specifico obiettivo. Ad esempio in campo di riabilitazione si può utilizzare per migliorare il tono e il trofismo muscolare sia in seguito ad un trauma che ha costretto il paziente ad un’immobilizzazione di un arto ad esempio, sia per velocizzare la ripresa nella fase post-acuta.

In ambito estetico invece, l’elettrostimolazione è utilizzata per rassodare e dimagrire, infatti riattiva il nostro metabolismo basale e stimolando la contrazione muscolare favorisce anche il drenaggio dei liquidi.

Nello sport l’elettrostimolazione è utilizzata dagli atleti sia per migliorare le prestazioni sportive oltre che il tono muscolare. Solitamente va a completare le preparazioni atletiche agonistiche per le sue peculiarità come l’aumento della forza esplosiva e massimale, infatti la stimolazione aiuta ad aumentare la potenza della fibra muscolare e a rinforzare i tendini, inoltre aiuta il completo recupero del muscolo al termine dello sforzo.

Le Controindicazioni con l'EMS

Tuttavia, nonostante l’allenamento EMS rimane indicato per la maggior parte delle persone che dispongono di un valido certificato medico, ci sono alcune controindicazioni da tenere a mente.

Il trattamento o la terapia è sconsigliata infatti a tutti coloro che sono portatori di pacemaker, alle donne incinta e a chi soffre di epiliessia o ipertensione.

Il trattamento con elettrostimolatori è inoltre sconsigliato a chi soffre di capillari fragili, gravi disturbi circolatori, problemi renali, ernie addominali o inguinali, tubercolosi, malattie tumorali, diabete mellito, acuti processi batterici o virali o se si hanno delle protesi metalliche nelle zone vicine a quelle in cui vengono applicati gli elettrodi.

Se si soffre di una delle condizioni sopra indicate è bene consultare il proprio medico e ottenere la sua approvazione prima di iniziare.

Le Precauzioni Con l'EMS

Le precauzioni da prendere per poter utilizzare l’EMS non sono molte, sarà solo necessario essere in presenza di un tecnico specializzato munito di una qualifica nel campo dell’allenamento individuale fitness, di una qualifica nel campo EMS e un’esperienza pratica di almeno 10 sedute di allenamento.

Inoltre, prima di sottoporsi a una seduta è necessario sottoporsi ad un’anamnesi per individuare gli obiettivi per poi procedere con lo studio e la scelta del protocollo di allenamento.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo