Google Optimize, cos'è?

Google Optimize è il nuovo tool di Google gratuito che permette di effettuare efficienti test per migliorare le prestazioni e il traffico all’interno del proprio sito, il tutto grazie agli A/B test.

google optimize cos'è

Google Optimize permette alle aziende di confrontare differenti varianti dello stesso sito mettendo in rete due pagine web identiche ma con alcune differenze, così da poter notare quale pagina genera più conversioni, transazioni o aggiunte al carrello: questo è lo scopo dell’A/B test.

Con Google Optimize è più semplice capire se un testo, un pulsante o un colore è gradito dai visitatori, in quanto grazie al collegamento con le Analytics di Google è possibile notare le conversioni effettive che generano le pagine sottoposte al test. Funzionale sia per desktop che per dispositivi mobili, Google Optimize è completamente gratuito e può essere aggiornato alla versione Google Optimize 360.

Cos’è un Test A/B

Un test A/B (o A/B test) serve a controllare i differenti rendimenti di due determinate pagine web. In altre parole, con un A/B test si controllano due versioni di una pagina web, identificando tramite dati riportati dalle Analytics qual è la pagina che non solo ha ricevuto più click ma ha raggiunto gli obiettivi e le conversioni migliori.

Detto questo, quando si effettua un A/B test si prende in considerazione due pagine che presentano lo stesso elemento ma in due modi differenti, come un pulsante, un’immagine o una CTA. Da notare che l’A/B test non viene reso evidente agli utenti che visitano il sito. Per questo motivo i dati risultano attendibili e rispettano le azioni vere e proprie dei visitanti.

Ad esempio, si possono creare due differenti pagine che possiedono la stessa immagine. Dopo averne impostata una che possiede un’immagine ad alta risoluzione ed un’immagine a bassa risoluzione, basta solo attendere qualche giorno o settimana e controllare i risultati ottenuti in quanto a click, conversioni e quant’altro.

Un altro buon esempio può esser fatto con le CTA. Impostando due differenti CTA (magari con due diverse colorazioni) sulle due pagine che si desiderano testare, è possibile verificare quali delle due ha generato più traffico e conversioni dell’altra.

Dopo aver pubblicato entrambe le pagine per un determinato periodo di tempo (si può decidere se pubblicarle per giorni, settimane o mesi) è possibile verificare i risultati e vedere qual è la pagina che ha generato conversioni maggiori.

Come funziona Google Optimize

Come accennato in precedenza, Google Optimize è la versione gratuita di Google Optimize 360 che permette di creare A/B test con due pagine che presentano un contenuto simile ma una variazione specifica e, essendo collegato a Google Analytics, è possibile verificare le conversioni concrete delle pagine analizzate.

Con la versione gratuita, gran parte delle PMI avranno la possibilità di testare l’efficienza di una pagina o dell’altra in modo efficace, considerando che Google Optimize non risulta un tool complesso da utilizzare.

Se poi si necessita di ulteriori opzioni di manovra, Google Optimize 360 è ancora più fornito. Ad esempio, con Google Optimize360 è possibile eseguire test con più di due pagine e fare più di tre test simultaneamente (piccolo limite di Google Optimize in versione gratuita).

Fare un A/B test

Per fare un A/B test con Google Optimize, per prima cosa è opportuno fare click su “Create Experiment”, inserire il nome dell’esperimento in questione, aggiungere conseguentemente l’URL che si vuole testare, selezionare la tipologia di test e cliccare infine su “Create”.

A questo punto è necessario creare una variante. È possibile farlo cliccando su “New Variant”, inserire il nome della variante stessa, indicare l’URL in questione e cliccare su “Add”. È arrivato quindi il momento di inserire le modifiche per fare il test.

Per farlo è opportuno cliccare sulla variante creata, così da venir reindirizzati sulla pagina in questione. Successivamente, si necessita di effettuare la modifica con l’estensione Google Optimize per Google Chrome. Dopo aver posto le modifiche desiderate, basta cliccare su “Done”.

Ora è il momento di compiere l’ultimo step, ovvero individuare il targeting. All’interno della scheda obiettivi, è possibile selezionare gli obiettivi primari e secondari (è possibile anche aggiungerne altri cliccando su “Add an Objective”). Giunti sul finire, basterà controllare i risultati del test. Lo si può fare cliccando su “Start Experiment” ed il gioco è fatto!

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo