Il mercato dei bitcoin

Esistono veramente utenti che hanno utilizzato i bitcoin che sono diventati miliardari in pochi attimi? Beh, sembrerebbe di si. Questi sono coloro che hanno costruito le loro ricchezze investendo nel mondo delle criptovalute, nello specifico nel mercato dei bitcoin.

Bitcoin

Nel 2012 un bitcoin valeva 10 dollari e durante gli anni il suo valore è aumentato notevolmente (oggi vale circa 10 000 dollari). La famosa rivista Forbes ha stillato una classifica di persone che si sono arricchite grazie ai bitcoin e, consultando la classifica, non sono assolutamente poche.

Tuttavia, solo alcuni sono gli utenti che sono arrivati a guadagnare miliardi di dollari, ma un altro fatto da considerare è chel'età media degli utenti che hanno investito il loro denaro nella criptovaluta dei bitcoin, in gran parte dei casi è poco superiore ai 40 anni.

Il mercato dei bitcoin: caduta e rinascita

Il mercato dei bitcoin è stato dato per morto molte volte, ma oggi è più forte che mai. Ad ogni modo, è difficile stimare il capitale con precisione, visti i numerosi cambiamenti della criptovaluta ed il suo sviluppo superveloce e inoltre fuori da ogni previsione.

Sempre la rivista Forbes si è occupata di calcolare i valori patrimoniali, ma considerando l’instabilità ed il perpetuo cambiamento dei bitcoin, non si riesce a stimare valori definiti e longevi. La lista dei dieci più ricchi con i bitcoin risulta pur sempre solida, nonostante le varie mutazioni della criptovaluta.

Al primo posto della classifica rientra Chris Larsen. Quest’ultimo, all’età di 57 anni, conta un patrimonio netto stimato fra i 7,5 e 8 miliardi di dollari. Al secondo posto sta Joseph Lubin e a 53 afferma un patrimonio netto stimato fra 1 e 5 miliardi. Al terzo posto invece rientra Changpeng Zhao, quarantunenne fondatore dell'hub di scambio per criptomonete Binance.

Più sotto in classifica rientrano i gemelli Cameron & Tyler Winklevoss (famosi per aver conteso la proprietà di Facebook a Mark Zuckerberg), che contano un patrimonio stimato fra i 900 milioni e 1,1 miliardi di dollari, insieme al 54enne Mattew Mellon che stima un simile patrimonio (si dice da 900 milioni a 1 miliardo).

Mercato dei bitcoin, si può ritenere denaro onesto?

È quindi evidente che ci sono numerosi utenti che hanno deciso di investire sulla criptovaluta dei bitcoin arricchendosi a dismisura. Ma, in fin dei conti, è leale arricchirsi investendo in “denaro inesistente”? Perché i bitcoin non vengono traslati in carta e moneta?

Numerose sono le diatribe online su questo fatto. C’è chi li considera la nuova frontiera del denaro, ma c’è anche chi li considera effimeri e dannosi al sistema. Effettivamente, ci sono alcuni lati che possono essere riconsiderati, come ad esempio il presunto anonimato del creatore di questa criptovaluta.

Sembra che l’identità del creatore dei famigerati bitcoin sia scomparsa e quindi sconosciuta. Detto questo, com’è possibile ritenere la criptovaluta dei bitcoin benefattrice? C’è bisogno di dare una regolazione ai bitcoin oppure è un’economia nociva che andrebbe eliminata? Molti dubbi sono ancora da chiarire ma quello che oggi sappiamo è che, in pochi attimi, gli investitori di bitcoin possono diventare ricchi in un battibaleno.

Da notare che oggi ci sono piattaforme come quella di eToro che ti permettono di imparare e capire come investire in quest’ambito. In base a corsi online e tutorial è possibile capire più a fondo questo mondo e comprendere come investire denaro in bitcoin.

Tuttavia, è sempre bene prendere con le pinze quest’ambito economico, soprattutto se non si è esperti in ambito di investimenti di denaro. Perdere soldi è più facile di quel che possa sembrare e spesso si rischia di cascare in brutte situazioni.

Per questo motivo è opportuno assicurarsi di “poter rischiare” e permettersi di fermare un certo gruzzoletto in una certa zona, sperando che questo maturi nel tempo.

Insomma, c’è tutto un mondo dietro ai bitcoin e non è affatto facile capire come gestire i propri investimenti in questa valuta. Con Internet è possibile saperne di più grazie alle numerose informazioni rintracciabili, per poi poter scegliere se investire in bitcoin o meno.