La Corte di Cassazione: cosa fa?

L’ordinamento italiano ha una rappresentanza “suprema” chiamata Corte di Cassazione. Ma qual è la funzione della Corte di Cassazione nello specifico? Si occupa di assicurarsi della legittimità di leggi emesse, di ricorsi e di decisioni emanate da altri organi di governo.

cosa fa corte di cassazione

La Corte di Cassazione si basa meramente sulle norme di diritto previste dal codice civile, senza intervenire in maniera soggettiva ed operando in modo imparziale. Si può quindi dedurre che il potere decisionale della Corte di Cassazione ricorre solo in alcuni casi per confermare una legge o una decisione già presa precedentemente (analogamente al Presidente della Repubblica).

Da notare che tutte le decisioni che vengono prese dalla Corte di Cassazione vengono ritenute definitive e, successivamente a tali decisioni, non si può mettere in discussione una legge o una decisione emessa dopo la conferma da parte della Corte di Cassazione.

Tra le mansioni principali della Corte di Cassazione rientrano questioni correlate alla giurisdizione, alle competenze dei giudici ed alle loro scelte, a questioni relative a misure cautelari. Da notare che i magistrati della Corte di Cassazione hanno una certa competenza e conoscenza approfondita del codice civile e dei suoi aspetti più complicati.

Chi fa parte della Corte di Cassazione

Da chi è composta la Corte di Cassazione? Nello specifico, fanno parte della Corte di Cassazione magistrati che hanno maturato almeno 20 anni di esperienza nel settore della magistratura. Per la maggiore, tra questi rientrano magistrati di tribunali di primo grado e magistrati appartenenti a corti territoriali d’appello.

Come accennato in precedenza, la loro è una competenza approfondita e devono aver dimostrato negli anni la loro preparazione ferrea nelle materie giuridiche previste. Inoltre, la diligenza e la serietà è ciò che caratterizza un magistrato che fa parte della Corte di Cassazione, serietà che dovrà essere dimostrata durante gli anni pregressi all’entrata nella corte.

Successivamente che i giudici entrano a far parte della Corte di Cassazione, questi vengono divisi in civili o penali. Il loro compito sarà quello di decidere, in seguito a ricorsi che verranno presentati in ultimo grado, decretando una decisione definitiva.

In concreto, le sezioni della Corte di Cassazione sono 6 civili e 7 penali ed ognuna di queste ha un presidente a carico. Il presidente è, naturalmente, un magistrato che ha maturato 20 anni d’esperienza e d’attività nel settore giuridico ma che, a sua volta, ha effettuato 8 anni d’esercizio lavorativo all’interno della Corte di Cassazione stessa.

Il compito principale della Corte di Cassazione

Come già affermato, uno dei compiti principali della Corte di Cassazione è decretare una decisione durante la fase di ultimo grado. Nello specifico, la Corte di Cassazione ha “l’ultima parola” su una sentenza o sulla legittimità di questa. Il tutto naturalmente avviene in modo giuridico e rispettando le norme civili in modo imparziale ed oggettivo.

I ricorsi a cui prende parte la Corte di Cassazione vengono poi smistati nelle sezioni specifiche, decidendo poi se rigettare o accogliere la domanda. Successivamente a questa fase, la Corte di Cassazione ed i suoi magistrati possono prendere due differenti decisioni.

La prima decisione che può prendere è la Cassazione con Rinvio. In questo caso la Corte rinvia la causa verso un altro giudice inferiore. Quest’ultimo dovrà poi provvedere ad emettere una nuova sentenza che verrà rigiudicata.

La seconda decisione invece è quella della Cassazione senza Rinvio. Questa è una decisione presa direttamente dai giudici della Corte. In questi ambiti, la decisione presa non viene infatti rinviata a nessuna sottosezione e si decreta la legittimità o la non legittimità di una sentenza.

Come si può notare la Corte di Cassazione si occupa dell’ultimo step per eventuali ricorsi, in quanto la decisione presa dai magistrati della Corte è inderogabile, dato che è la fase finale di un ricorso o di una decisione giuridica. Detto questo, l’esperienza e la serietà dei magistrati sarà quella che prenderà la decisione più importante su un accaduto di stampo giuridico.

Naturalmente, come già accennato ci sono altri compiti svolti dalla Corte di Cassazione oltre alla decisione in ultimo grado. Questi sono l’occuparsi di questioni di giurisdizione, questioni di competenza (relative ala materia giuridica, al territorio e altro) e misure cautelari.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo