La storia dei Jeans

Sapevate che i primi jeans mai prodotti venivano indossati dai minatori? Eravate a conoscenza che questi risalgono al 1850 circa? È proprio grazie al famoso Levi Strauss che oggi indossiamo i fatidici Blue Jeans che, con una sua spiccata dote per l’imprenditorialità e per la produzione di indumenti efficienti e longevi nel tempo è divenuto famoso in tutto il mondo.

come abbinare jeans cavallo basso 650x400

Attorno al 1850, il tedesco Levi Strauss (chiamato letteralmente “Löb Strauß”) intraprese un viaggio verso gli Stati Uniti, per l’esattezza verso San Francisco. In quei periodi la California era immersa dalla “corsa all’oro” e Strauss vide uno spiraglio di luce in tale situazione per ricavare notevoli guadagni.

Quando partì, infatti, risultava pieno zeppo d’indumenti da vendere sulle sponde statunitensi. Tuttavia, durante il viaggio, vendette quasi tutti i capi che si era portato con sé, proprio sulla nave. Cosicché, rimasto con solo alcuni tessuti ruvidi (utili per realizzare tendoni di carri) sbarcò a San Francisco.

Ciononostante, fu proprio questo il vero colpo di fortuna: un minatore del luogo fu il primo a ricevere un tipo di pantaloni grezzi ma resistenti realizzati con un tessuto insolito per il vestiario di allora. Il minatore fu infatti molto soddisfatto di quel tipo di pantaloni, visto che quelli precedentemente indossati si rompevano continuamente.

I Jeans negli Stati Uniti

Così Levi Strauss riuscì a stabilirsi negli Stati Uniti ed aprì la Levi Strauss & Co. Da notare che appena aprì la società, non si occupava della vendita di jeans o di qualcosa di simile, bensì realizzava solo questo tipo di pantaloni per minatori nel suo tempo libero.

Man mano che Strauss produceva questi prototipi di jeans, cominciò a utilizzare tessuti meno grezzi e sempre più comodi da indossare. Fu infatti il tessuto denim che dette una prima svolta “commerciale”, tessuto blu che proveniva dalla città francese Nimes.

Tuttavia, la tela impiegata non era del tutto originale, in quanto molti furono i marinai genovesi del tempo che impiegarono un telo blu per costruire le vele delle proprie navi. Ad ogni modo, Strauss era cosciente di ciò, considerando che il nome Jeans si riferisce proprio ai genovesi (Jeans sta infatti per “Genes”, ovvero genovesi).

Blue Jeans: il sarto Jacob Davis

Anche se Levi Strauss viene spesso riconosciuto come fautore dei Blue Jeans, un altro personaggio che contribuì allo sviluppo dei pantaloni più comuni del mondo fu il sarto Jacob Davis. Quest’ultimo fu un cliente di Strauss che dette una svolta importante alla produzione dei Jeans, in quanto riuscì a fissare le tasche dei pantaloni in modo che reggessero tutti gli attrezzi e oggetti dei minatori (che, in precedenza, spesso tranciavano le tasche dalla troppa pesantezza).

Riuscì a compiere questa modifica ponendo dei piccoli rivetti di rame sulle tasche stesso. Entrambi furono magnanimi abbastanza da non mettere il proprio ego davanti all’altro e ottenere un brevetto a nome di entrambi per la produzione dei Blue Jeans.

Ufficialmente, i primi Jeans vennero messi in produzione nel 1873. I primi Levis mai prodotti si chiamavano “waist overalls” e venivano prodotti proprio nelle case delle sarte che collaboravano con la Strauss. In pochissimo tempo, i Jeans stavano diventando un capo d’abbigliamento sempre più richiesto, esplodendo negli Stati Uniti e, poco dopo, in tutto il mondo.

A finire del secolo, arrivò il momento di porre il marchio di fabbrica sui pantaloni, ovvero una piccola etichetta in pelle con due cavalli. Come molti sapranno, questa era la famigerata etichetta di due cavalli che tirano un paio di pantaloni senza che questi si rompano.

I Blue Jeans e l'Europa

Per quanto riguarda la diffusione in Europa dei Blue Jeans, si può senz’altro far riferimento a divi del cinema americano che cominciarono a indossare tali capi d’abbigliamento. Attori come James Dean o Marlon Brando furono dei veri e propri sex-symbol in questo senso.

Soprattutto negli anni ’60, i Blue Jeans non erano solamente un abbigliamento alla moda, ma un vero e proprio simbolo di protesta. Infatti, molti erano i giovani che li indossavano in segno di ribellione. Oggigiorno, i Jeans si sono oramai consolidati da tempo e sono diventati a tutti gli effetti un tipo di pantalone indossato in tutto il mondo.

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo