Pagare meno tasse: l'evasione fiscale non è la soluzione

In questi giorni di fibrillazione per l'avvento del nuovo Governo che guiderà l'Italia per i prossimi 4 anni, si fa un gran parlare di quali nuovi sacrifici saranno costretti a fare gli italiani per non far affondare il nostro Paese nel baratro del debito pubblico, per evitare che l'Unione Europea prenda provvedimenti sanzionatori, per poter pagare pagare emolumenti, pensioni, stipendi per tutti i dipendenti dello Stato e mantenere quel "carrozzone" attraverso il quale tutti campano, ormai, da troppi anni.

importanzapagaretasse

Quando parlo di sacrifici mi riferisco, ovviamente, alle nuove imposte che stanno per essere partorite dall'esecutivo e all'inasprimento di quelle già presenti e le premesse non sono di certo delle migliori:

  • aumento dell'IVA al 25%;
  • una patrimoniale per colpire chi ha qualche risparmio messo via dopo una vita di lavoro;
  • il probabile ridimensionamento del limite per il mantenimento del regime forfettario;
  • varie ed eventuali, ma nulla di piacevole.

Lo Stato deve raccattare, entro breve, 23 miliardi per scongiurare l'aumento dell'aliquota IVA e, le solite vittime di questi ammanchi saranno sempre e comunque imprenditori e professionisti.

Non sono io a dirlo, ma i più grandi economisti al mondo tutti concordi nell'affermare che una mazzata del genere porterà ad una notevole contrazione dei consumi e con questa l'inizio di una nuova recessione.

In questa situazione credo che sia piuttosto normale, per noi imprenditori, sentirsi sotto attacco perchè, l'inasprimento sempre costante della pressione fiscale, la lotta all'evasione fiscale, giusta per carità, ma basata sul principio della presunzione di colpevolezza, a prescindere, del contribuente e gli strumenti discutibili utilizzati dal Fisco come redditometro, spesometro, fatturazione elettronica, risparmiometro, i controlli sui conto correnti, ecc., ci rendono la vita impossibile con la sola prospettiva di riuscire a sopravvivere, non certo quella di fare soldi.

Sopravvivere, per molti imprenditori significa non sapere che pesci pigliare e trovarsi, troppo spesso, nella condizione di essere costretti ad ascoltare i consiglio dei "furbetti" che ti consigliano, per pagare meno tasse, di evadere il Fisco e poter finalmente guadagnare qualcosa.

Per convincerti ti dicono che è semplice, che tanto non si viene mai beccati, che basta qualche azienda connivente, che esistono metodi infallibili, ecc. ecc. ecc.

Niente di più falso, l'evasione fiscale è una piaga da combattere per lo Stato ed è il metodo peggiore per abbattere il proprio carico fiscale. Non bisogna dar retta a chi foraggia queste pratiche illecite perchè oggigiorno con tutte le banche dati a disposizione dell'Agenzia delle Entrate, i sistemi informatici che consentono di controllare in modo capillare qualunque movimento di qualsiasi contribuente, la fatturazione elettronica, è praticamente impossibile sfuggire alle maglie della Polizia Tributaria che prima o poi busserà alla tua porta e allora, quel poco che si era risparmiato con l'evasione dovrà essere versato con tanto di interessi e sanzioni.

Racconto questo aneddoto quasi scherzoso ma molto realistico... Tempo fa durante una gara di podismo in montagna faccio conoscenza con un runner che partecipava alla gara, un finanziere... Facciamo due chiacchiere e poi aumento il ritmo e lo lascio indietro. Dopo una decina di km me lo ritrovo di nuovo dietro e, scherzando, gli dico: "appena saputo del tuo lavoro ho cercato di seminarti" e lui con naturalezza mi risponde: "la Finanza spesso ci mette del tempo ma prima o poi ti arriva alle costole"... 

Una metafora, uno scherzo ma molto realistico, infatti, evadere le tasse è come imboccare una strada senza uscita con la destinazione già nota ovvero un bagno di sangue assurdo. La Finanza, prima o poi, arriverà e pagherai con gli interessi, le sanzioni e, spesso, anche penalmente (dipende da quanto hai sottratto al Fisco) per tutto quello che hai evaso. 

Non sono previsioni negative o, ancor peggio, catastrofiche, è la realtà: oggi non è più possibile evadere le tasse senza, prima o poi, essere beccati.

... e allora che fare?

Il modo migliore per pagare meno tasse è informarsi, crearsi una cultura di base che consenta di saper fare le scelte giuste, conoscere le soluzioni che lo Stato offre per scaricare i costi, dedurre dal reddito le spese effettuate ed, eventualmente, detrarre dalle imposte tutto quanto detraibile.

Impostare una strategia di gestione aziendale accurata che consenta di risparmiare tasse legalmente senza ricorrere ai mezzi scorretti e illegali è l'unica soluzione possibile: questo significa conoscere  le soluzioni, studiare, documentarsi e scegliere un buon commercialista che sia in grado di supportarci e guidarci nel complesso mondo fiscale.

Omar Cecchelani - Pagaremenotasse

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo