SoundCloud: cos’è e come funziona

Avete mai sentito parlare di SoundCloud? Cos’è e come funziona? È un servizio di music sharing nato nel 2007 grazie all’idea di Alexander Ljung e Eric Wahlforss, due musicisti svedesi con il desiderio di diffondere musica sul web.

soundcloud cos'è

Il servizio garantito da SoundCloud è gratuito ed ha una versione premium e, fino ad oggi, conta milioni di utenti attivi, attivamente partecipanti sin dalla nascita di questa piattaforma. SoundCloud è stata infatti una tra le prime piattaforme musicali ad emergere sul web ed ancora oggi è sempre viva e vegeta, nonostante l’avvento di Spotify e simili.

Circa 15 anni fa, le due piattaforme web principali per la diffusione musicale erano SoundCloud e MySpace. Quest’ultima infatti sembra essere stata, per molti anni, il diretto avversario di SoundCloud, considerando che entrambi permettevano di caricare musica gratis, visto che si ha la possibilità di creare un proprio profilo personale per fare l’upload di brani.

Come molti sanno, MySpace ha avuto un problema di cambio di server in cui tantissimi dati sono andati persi, mentre SoundCloud sembra rimanere ancora un pilastro storico della diffusione musicale su Internet, riuscendo a sopravvivere a discapito delle nuove fonti da cui attingere per ascoltare musica.

Come nasce SoundCloud

SoundCloud nasce grazie ad un progetto di due musicisti svedesi nell’oramai lontano 2007. Il loro desiderio era quello di creare una piattaforma sociale in cui chiunque potesse creare e condividere qualunque tipo di musica in maniera totalmente gratuita.

In questo modo, pur non ricevendo nessun tipo di compenso da eventuali ascolti in streaming, si ha l’occasione di farsi sentire da una community (ancora piuttosto attiva) interessata alla musica che proponi. All’interno della piattaforma si contano più di 120 milioni di brani, ma ciò che contraddistingue Souncloud è il tipo di utenza.

Ci sono più di 170 milioni di utenti attivi che nella maggior parte dei casi sono cultori della musica e sono interessati ad artisti emergenti e novità. Insomma, se vuoi ascoltare la musica di tutti i giorni c’è YouTube o Spotify. Se invece cerchi qualcosa “di nicchia”, Souncloud è il luogo che fa per te.

Per caricare brani su SoundCloud basta iscriversi con un username ed un’immagine profilo e, successivamente, si può caricare qualunque tipo di pezzo. Non c’è nessun tipo di restrizione in quanto a qualità e durata (tuttavia si può caricare, gratuitamente, fino ad un massimo di 3 ore di audio). L’idea di base di Souncloud è proprio quella di creare un’enorme “cloud”, per l’appunto, in cui condividere file musicali a iosa.

Ma che tipo di artisti gira su SoundCloud? Di tutti i tipi in generale, anche se sembra essere una piattaforma molto in voga per Dj, producers o artisti singoli. Insomma, perché non spulciare nella giungla di Souncloud se si è appassionati di musica?

Ascoltare musica su SoundCloud

Se si ascolta musica su SoundCloud si possono scoprire numerosissime realtà musicali che spesso e volentieri non spiccano come dovrebbero. Questo succede probabilmente anche a causa anche degli artisti stessi che pubblicano musica solamente per il piacere di farlo, ma senza pensare a manager, etichette o chiunque altro potesse pubblicizzare la musica.

A differenza di SoundCloud, una piattaforma come Spotify fornisce playlist in cui è possibile essere scovati da un pubblico più vasto (o perlomeno da una cerchia di pubblico particolarmente interessata ad un certo genere musicale).

Le piattaforme social a sua volta offrono metodi di pubblicità come post sponzorizzati, campagne pubblicitarie e simili, le cui permettono agli artisti di diffondere il proprio materiale e raggiungere più pubblico possibile.

Inoltre, dallo streaming su tali piattaforme si ricevono compensi in base al numero di ascolti. Ma quindi perché diffondere musica su SoundCloud se ci sono le piattaforme streaming? Perché la comunità di SoundCloud è tendenzialmente più interessata a ciò che proponi.

Un utente di SoundCloud sarà li solo ed esclusivamente per ascoltare musica e dovrà cercarsela di sua spontanea volontà, senza consigli e reindirizzamenti da parte delle piattaforme streaming (come avviene con Spotify o altre piattaforme simili).

 

Hai un'attività commerciale?

Inseriscila oggi su www.worldweb.it gratis.

Aggiungi la tua attività

Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo